Alla ricerca del colloquio perfetto2' tempo di lettura

Al momento stai visualizzando Alla ricerca del colloquio perfetto<span class="wtr-time-wrap after-title"><span class="wtr-time-number">2</span>' tempo di lettura</span>

La comunicazione è alla base di tutto, infatti in fase di colloquio ne è il fulcro. Come utilizzarla e avere successo? Scopriamolo!

La comunicazione durante un colloquio

pilastri della comunicazione durante un colloquio

Per comunicazione non si fa riferimento solo a ciò che viene espresso verbalmente, bensì anche a quegli aspetti corporali involontari. Per questo motivo, la comunicazione si divide in “verbale” e “non verbale”.

In tutte le occasioni sociali, il linguaggio è essenziale per comunicare. Grazie a esso, gli esseri umani sviluppano un sistema comunicativo che, per mezzo di un codice, permette loro di esprimere il proprio pensiero. Attraverso la parola, si è in grado di descriversi, raccontare la propria vita, le esperienze vissute e molto altro.

Tuttavia, non basta saper utilizzare un codice come la lingua per avere una comunicazione efficace e di successo durante un colloquio. In primo luogo, è molto importante rispondere in maniera chiara e concisa alle domande dei recruiter, senza divagare troppo. Secondariamente, bisogna ascoltare attentamente e fare domande in caso di incomprensioni. Infine, è necessario rispettare sempre il punto di vista altrui e evitare conflitti verbali.

Oltre la parola

Mentre il tema del paragrafo precedente riguardava la comunicazione verbale, questo paragrafo è invece incentrato sulla comunicazione non verbale. Ma di che cosa si tratta?

La comunicazione non verbale avviene tramite il corpo. Può essere un complemento di quella verbale, come la gesticolazione. Oppure l’espressione di un’emozione, come gioia, felicità ma anche paura e ansia.

Prendendo in esame la gesticolazione, essa rappresenta una vera e propria abitudine per gli italiani. Inconsciamente, essi attuano una doppia comunicazione: tramite l’articolazione delle parole e, allo stesso tempo, un movimento delle mani. La prima avviene in modo consapevole, la seconda ne è una conseguenza ed è del tutto inconsapevole, istintiva.

Gesticolare è solo uno dei tanti modi di comunicare tramite il corpo. Basti pensare al sorriso quasi nervoso durante i momenti di imbarazzo oppure allo sguardo rivolto verso il basso per i momenti di timidezza.

Tre consigli per un colloquio con i fiocchi

Concludiamo con tre consigli per avere successo in fase di colloquio.

  1. Essere sempre se stessi e raccontare la verità, perché il “corpo non sa mentire”!
  2. Ricercare informazioni sull’azienda per la quale si andrà a svolgere il colloquio, in modo da essere preparati a domande inaspettate.
  3. Avere coerenza in tutto.

Hai letto fino a qui e vuoi approfondire l’argomento? Leggi i nostri articoli storytelling: come sopravvivere ad un colloquio di lavoro e l’AI rivoluzionerà il mondo del lavoro?

Martina Di Pietro, Area Marketing & Comunicazione

Condividilo sui social se ti è piaciuto!